Guardia Perticara
Il fascino antico e autentico della Basilicata

Un giorno per scoprire Guardia Perticara, il borgo dalle case in pietra. Imperdibili i suoi incantevoli scorci, dove il tempo sembra essersi fermato.

Il borgo di Guardia Perticara

Guardia Perticara è un piccolo paese del Potentino, in Basilicata, facente parte del circuito dei Borghi più Belli d’Italia. Per le sue qualità turistiche e ambientali ha ricevuto, nel 2011, la Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano.
Posto su un colle a 750 metri d’altezza nel cuore della regione, Guardia Perticara offre angoli e scorci medievali davvero affascinanti.

Origini e Storia

Le sue origini sono antichissime tanto che durante varie ricerche archeologiche si è scoperto che già durante l’età del Ferro (IX-VIII secolo a.C.) esistevano degli insediamenti stabili presso la località San Vito. Fu distrutto durante le invasioni dei Saraceni ma nel 1237, quando queste terre erano sotto il dominio di Federico II di Svevia, il borgo era chiamato “Castrum Perticari”. La prima fonte che lo cita è un documento di epoca angioina del 1270.

Cosa vedere a Guardia Perticara

Il Centro Storico e i Portali

La visita al borgo di Guardia Perticara, seppur breve, regalerà momenti di totale immersione nel passato. Passeggiando tra i suoi vicoli, potrete ammirare le graziose abitazioni in pietra, un centro storico ben ordinato e dall’inconfondibile aspetto medievale. Archetti, balconi fioriti, piccole logge abbelliscono e rendono ancora più elegante questo imperdibile borgo lucano.

I portali sono un altro elemento di interesse architettonico di Guardia Perticara, ad iniziare da quelli presenti su via Diaz. Altri piccoli gioielli artistici danno un tocco di suggestione in più come lo stemma di Palazzo Montano, l’arco Vico II in piazza Europa e il rosone di Casa Marra, giusto per citare i più rilevanti.

Guardia Perticara (PZ) | Cosa vedere nel borgo lucano

Cosa vedere a Guardia Perticara: Visita i luoghi di culto

La chiesa di Sant’Antonio

Il patrimonio architettonico e artistico si amplia con alcune pregevoli chiese. Tra queste immancabile è la visita alla chiesa di Sant’Antonio, edificata probabilmente tra la fine del XVI e l’inizio del XVII secolo. Tra le opere più significative conservate all’interno, segnaliamo una lapide in memoria della famiglia Cataldi, tele dell’Annunciazione di Biagio Guarnacci e dell’Immacolata, di autore ignoto, realizzate rispettivamente nel 1751 e nel 1857. Inoltre si possono osservare anche due sculture in legno di Sant’Antonio e l’Addolorata (XVIII sec.).

Altri luoghi sacri del borgo

Il panorama degli edifici religiosi presenti si completa con la chiesa di Santa Maria di Sauro, fondata nel XIV secolo, in seguito ricostruita (‘700), e la chiesa madre in onore a San Niccolò Magno, evidenziato dal bassorilievo del XVII secolo presente sul portale.
Questo gioiello della Basilicata rimarrà impresso nei nostri occhi e nel cuore grazie ai suoi magici scorci, dove ancora oggi si respira la vera essenza delle terre lucane.

Quando andare a Guardia Perticara

La stagione migliore per visitare il borgo

Idee e consigli utili su come scegliere il periodo migliore per visitare il borgo.

Cosa visitare vicino a Guardia Perticara

Cosa vedere nei dintorni

In viaggio alla scoperta dei luoghi più belli da vedere nei dintorni.

Informazioni Turistiche

Regione: Basilicata
Provincia: Potenza
Altitudine: 750 m.s.l.m
Nome abitanti: guardiesi
Patrono: San Niccolò Magno (giorno festivo 9 maggio)
Sito istituzionale

Redazione Borghi Storici © Riproduzione vietata | Copyright

Potrebbe interessarti anche:

I borghi della Basilicata
I borghi più belli in Italia
Scopri gli eventi in Basilicata
Cucina tradizionale e prodotti tipici della Basilicata
Hotel, B&B, Appartamenti, Case Vacanze, Agriturismi in Basilicata
Follow by Email
WhatsApp