Frontino
Un gioiello del Montefeltro

Frontino è un piccolo borgo circondato dal verde dei boschi del Montefeltro. Una passeggiata tra le mura medievali, il centro storico e le stradine in pietra di uno dei Borghi più Belli d’Italia, vi farà rivivere le atmosfere del suo antico passato.

Il borgo di Frontino

Frontino è un piccolissimo borgo medievale in provincia di Pesaro e Urbino nella storica regione del Montefeltro. Immerso nel verde del Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello, con alle spalle il Monte Carpegna, domina la valle del fiume Mutino da un’altezza di 519 metri. Dal 2014 fa parte dei Borghi più Belli d’Italia ed ha ricevuto la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.

Origine e Storia

Il toponimo Frontino compare per la prima volta come Castrum Frontini nel diploma di Ottone IV nel 1209. Il Castello di Frontino, (forse risalente al 1100) e il suo territorio, inizialmente facevano parte della Massa Trabaria di proprietà della Santa Sede. A periodi alterni è stato feudo di diverse famiglie, dai Brancaleoni di Castel Durante, ai della Fagiola, ed infine ai duca di Montefeltro.

Due sono gli eventi importanti legati alla storia di Frontino, entrambi culminati con la sua vittoria. Il primo è la “battaglia dei Coppi” avvenuta nel 1451, contro l’assalto di Sigismondo Malatesta. Il secondo è il conflitto tra i frontinesi guidati dal Capitano Vandini e Giovanni dalle Bande Nere e i fiorentini.

Frontino (PU) | Cosa vedere nel borgo marchigiano

Cosa vedere a Frontino

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo e la Torre Civica

Ogni anno giungono a Frontino migliaia di turisti attirati dalla sua importanza artistica e culturale. Il centro storico sorge su una collina, circondato dalle antiche mura medievali con la torre ed è attraversato dalle strette vie realizzate con le pietre raccolte nel torrente Mutino.

Qui è possibile visitare la Chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo con un importante dipinto realizzato da Federico Barocci e raffigurante la Madonna con Bambino e i Santi Ubaldo e Francesco. Vicino il simbolo di Frontino, la Torre Civica e campanile parrocchiale totalmente ricoperta da edera.

Il Museo di Franco Assetto

Nella piazza del belvedere, accanto al Torrione d’avvistamento risalente al 1300, si trova la moderna fontana opera di Franco Assetto, l’artista torinese a cui è dedicato anche un museo in cui sono esposte le sue sculture d’acqua, i disegni realizzati con carta ritagliata e le sculture murali in mogano e plastica.

Il Palazzo Malatesta e il Museo del Pane

Tra gli edifici civili di particolare interesse è il Palazzo dei Malatesta, oggi albergo, conosciuto in passato come Palazzo Vandini. La sua particolarità è che, in passato, le sue cantine erano collegate attraverso un corridoio sotterraneo al Mulino di Ponte Vecchio, con la sua torre difensiva, che attualmente ospita il Museo del Pane in cui sono esposte attrezzature ed utensili artigianali e una sequenza di pannelli che spiegano la storia del pane e dell’arte molitoria. Di particolare interesse il locale in cui è ancora in funzione un antico impianto funzionante ad acqua.

Il Convento di Montefiorentino e il Monastero di San Girolamo

Fuori dalle mura, immerso nel verde dei boschi ci sono due importanti luoghi di culto: il Convento di Montefiorentino e il Monastero di San Girolamo.

Il Convento di Montefiorentino

Il Convento di Montefiorentino, fondato secondo la tradizione da San Francesco nel 1213, è uno dei più grandi delle Marche. Entrando, sulla destra, c’è la Cappella dei Conti Oliva, un’eccellente opera dell’arte rinascimentale, costruita nel 1484 da Francesco De Simone Ferrucci da Fiesole. Da ammirare la splendida pala d’altare raffigurante la Madonna in trono con Bambino, San Giorgio, San Francesco, Sant’Antonio Abate e San Girolamo, realizzata da Giovanni Santi, padre di Raffaello, e i sepolcri del Conte Gianfrancesco Oliva e di sua moglie. Dal Convento di Montefiorino proviene il Polittico di Alvise Vivarini (1475), oggi esposto ad Urbino presso la Galleria Nazionale d’Arte.

Il Monastero di San Girolamo

Il Monastero di San Girolamo, formato dalla chiesa e dal convento, è stato eretto nel 1500. La Chiesa, a navata unica, conserva al suo interno una pala della Madonna con Gesù Bambino circondata dagli Angeli e i Santi Girolamo e Giovanni Battista e il fondatore del monastero Don Ghisello Vandini.

Quando visitare il borgo di Frontino

La stagione migliore per visitare il borgo

Consigli utili su come scegliere il periodo migliore per visitare il borgo.

Cosa visitare vicino a Frontino

Cosa vedere nei dintorni

In viaggio alla scoperta dei luoghi più belli da vedere nei dintorni.

Informazioni Turistiche

Regione: Marche
Provincia: Pesaro e Urbino
Altitudine: 519 m.s.l.m
Nome abitanti: frontinesi
Patrono: San Pietro e Paolo (giorno festivo 29 Giugno)
Sito istituzionale

Potrebbe interessarti anche:

Visita i borghi delle Marche
Scopri i borghi in Italia
Vedi gli eventi nelle Marche
Cucina tradizionale e prodotti tipici delle Marche
Hotel, B&B, Appartamenti, Case Vacanze, Agriturismi nelle Marche