Montagnana: Un giorno tra possenti mura, castelli e palazzi rinascimentali

In tour a Montagnana, uno dei Borghi più Belli del Veneto. Da non perdere il Castello di San Zeno, le Mura Medievali e la Rocca degli Alberi.

Il borgo di Montagnana

Nel cuore della pianura padano – veneta a circa 16 km dai Colli Euganei e 56 km da Padova sorge l’affascinate borgo rinascimentale di Montagnana. Cinto da spettacolari mura difensive, è stato inserito tra i Borghi più Belli d’Italia e insignito della Bandiera Arancione in virtù delle sue bellezze storiche e per il valore attribuito ai prodotti tipici.
Davvero coinvolgente il centro storico particolarmente intatto, così che possiamo ancora oggi ammirare il tessuto urbano tipico medievale ma con edifici in chiaro stile rinascimentale.

Origine e storia

I primi documenti scritti che citano un “castrum” in questo luogo, risalgono al 996, poi confermati da altri scritti in epoche successive. Questi ultimi rivelano la funzione difensiva e protettiva che Montagnana aveva per gli abitanti dei paesi limitrofi. Ciò è avallato anche dalla nascita di un ricetto, luogo, dove gli abitanti potevano difendersi da eventuali attacchi.

Montagnana (PD) | Cosa vedere nel borgo veneto

Cosa vedere a Montagnana: Castelli, Rocche e Mura medievali

La possente Cinta Muraria

La visita al fiabesco borgo di Montagnana parte dalla Cinta Muraria che spicca, non solo per la sua maestosità, ma anche per la sua integrità, caratteristica che pochi altri centri storici in Italia possono vantare. Buona parte delle mura (tranne i tratti a occidente e a oriente, e il castello di San Zeno) è stata realizzata verso la metà del Trecento per opera dei Carraresi, signori di Padova, spinti dalla necessità di contrastare il crescente potere degli Scaligeri di Verona su quest’area.
Le mura, con merlature di tipo guelfo, sono alte fino a 8 metri e spesse fino a 1 metro, e proteggono il cuore antico di Montagnana. Inoltre ben 24 torri, alcune alte quasi 20 metri, scandiscono la cinta muraria lunga circa 2 km. In passato la cinta muraria era circondata da un ampio fossato, colmo di acqua del fiume Frassine.

La Rocca degli Alberi

Uno degli accessi principali si trova proprio in corrispondenza della Rocca degli Alberi (l’altro presso il castello di San Zeno). Nel ‘500 fu aperta porta Nova o di Vicenza (sul lato nord). La Rocca degli Alberi è una pittoresca struttura difensiva medievale edificata per volere dei Carraresi tra il 1360 e il 1362. Oggi ammiriamo il suo complesso di torri merlate, con un ingresso fortificato, quattro porte e quattro ponti levatoi. Dal 1963 divenne sede dell’ostello della Gioventù (poi spostato nelle vicinanze) mentre oggi è aperto al pubblico da aprile a ottobre.

Il Castello di San Zeno

Inserito nelle mura di Montagnana, è il Castello di San Zeno, il cui nome risale a una precedente chiesa edificata in onore del santo. L’origine del castello si fa risalire al XIII secolo (in seguito all’incendio del 1242 perpetrato da Ezzelino III da Romano a Montagnana), con lo scopo di renderla ancora più inattaccabile. Si mostra possente al visitatore grazie alle sue alte mura e al Mastio che sfiora i 40 metri d’altezza. L’edificio, a pianta rettangolare, è arricchito da un ampio cortile interno. Fino agli inizi del XIX secolo, il castello era circondato da un fossato che lo isolava anche dal lato rivolto verso la città. Oggi ospita il Museo Civico “Antonio Giacomelli”, istituito nel 1980, la biblioteca civica e il Centro Studi sui Castelli, fondato nel 1954.

Cosa vedere a Montagnana

I Palazzi e le Ville rinascimentali

Altri monumenti presenti completano il vasto patrimonio storico di Montagnana a partire dal Duomo, realizzato in stile tardo – gotico tra il 1431 e il 1502, che si affaccia sulla piazza centrale. All’interno sono custodite alcune pregevoli opere del XV e del XVI secolo di Paolo Veronese, Giovanni Buonconsiglio e de Il Giorgione. Poco distante, sempre sulla piazza, si può ammirare il palazzo Valeri e l’antico Monte di Pietà. Nelle vicinanze sorge il palazzo Magnavin-Foratti, con eleganti lineamenti gotico – veneziani. Da vedere, infine, è la Villa Pisani, inserita insieme alle altre ville venete, tra i beni Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Fu edificata tra il 1552 e il 1555 e si trova poco fuori le mura del borgo a pochi passi dal Castello di San Zeno. Ora non è aperta al pubblico perché di proprietà privata.

Quando andare a Montagnana

La stagione migliore per visitare il borgo

Idee e consigli utili su come scegliere il periodo migliore per visitare Montagnana.

Cosa visitare vicino a Montagnana

Cosa vedere nei dintorni

In viaggio alla scoperta dei luoghi più belli da vedere nei dintorni.

Informazioni Turistiche

Regione: Veneto
Provincia: Padova
Altitudine: 16 m.s.l.m
Nome abitanti: montagnanesi
Patrono (Tenno): Santa Maria Assunta (giorno festivo 15 agosto)
Sito istituzionale

Potrebbe interessarti anche:

I borghi del Veneto
I borghi più belli in Italia
Scopri gli eventi in Veneto
Cucina tradizionale e prodotti tipici del Veneto
Hotel, B&B, Appartamenti, Case Vacanze, Agriturismi in Veneto