Montegridolfo
Il borgo medievale e il Castello

Sulle colline riminesi, tra l’Appenino e il Mare Adriatico, il borgo – castello di Montegridolfo si presenta come un piccolo scrigno al cui interno è conservato intatto il fascino dell’atmosfera medievale.

Il borgo di Montegridolfo

Montegridolfo, in provincia di Rimini, sorge, a 290 metri di altezza, su un colle che divide la valle del Conca da quella del Foglia. Questo ben conservato borgo medievale è un importante centro turistico circondato da piante di alloro, uliveti e vigneti, e si trova a meno di 20 Km dal mare Adriatico. Fa parte dei Borghi più belli d’Italia.

Origine e Storia

Il territorio di Montegridolfo era ricco di piante d’alloro e per questo, in passato, era conosciuto come Monte Lauro. Tuttavia il nome deriverebbe dal termine germanico Hrodulfus o Ridulfus, che significa sterposo, da cui il toponimo Mons Gredulphus o anche Gradulfus. Il borgo nasce nel X secolo e viene citato, per la prima volta, in un documento del 1148 come possedimento dell’abbazia di San Pietro di Rimini.

Nonostante fosse un semplice cassero fortificato, la collina su cui sorgeva rappresentava un importante punto strategico conteso tra Rimini e Urbino. Nel 1200 iniziò il conflitto tra i Malatesta, feudatari di Montegridolfo, e i Montefeltro, signori di Urbino e nel 1336, durante una di queste lotte, Ferrantino Novello, saccheggiò e danneggiò il castello che fu prontamente ricostruito dallo zio Malatesta il Guastafamiglia. Egli, inoltre, fece innalzare la nuova cinta muraria con quattro poderosi torrioni di cui uno dotato di porta di accesso all’abitato.

Montegridolfo fu poi governato dal duca Valentino Borgia che lo cedette alla Repubblica di Venezia, fino a quando entrò a far parte dello Stato Pontificio nel 1509. Durante il secondo conflitto mondiale, Montegridolfo fu un avamposto strategico della linea di difesa tedesca, conosciuta come Linea Gotica.

Montegridolfo (RN) | Cosa vedere nel borgo medievale

Cosa vedere a Montegridolfo: Edifici Storici

La torre con orologio, il Municipio, il Palazzo Viviani e la cappellina di Sant’Antonio 

Al borgo-castello di Montegridolfo, ancora circondato dalle alte mura medievali, si accede attraverso una caratteristica torre d’ingresso con orologio che porta alla centrale piazzetta in cui si trovano il Municipio e Palazzo Viviani. Qui c’era anche la Chiesa di Sant’Agostino (1200) distrutta nel 1944, di cui restano la cappellina di Sant’Antonio della famiglia Viviani e una statuetta della Madonna Nera conservata in una piccola nicchia.

Cosa vedere a Montegridolfo: I Luoghi Sacri

La Chiesa di San Rocco

Subito fuori le mura sorge la Chiesa di San Rocco, costruita nel 1427, che conserva al suo interno una tela di Guido Cagnacci, su cui sono raffigurati la Madonna col Bambino e Santi Sebastiano, Rocco e Giacinto in adorazione, riprodotti anche sui due affreschi che erano stati trovati sovrapposti.

La Chiesa di San Pietro

Da ammirare anche la Chiesa di San Pietro, risalente a prima dell’anno mille e ricostruita nel 1929. Al suo interno è presente un affresco (XV secolo) del Cristo Crocifisso tra Maria e San Giovanni Evangelista con la Maddalena e angeli, sul cui sfondo sono rappresentati i castelli di Mondaino, Montefiore e Montegridolfo.

Il Santuario della Beata Vergine delle Grazie

Infine, nella frazione Trebbio, merita di essere visitato il Santuario della Beata Vergine delle Grazie, edificato nel 1740 sui resti di una precedente chiesa, del 1548, dedicata all’apparizione della Madonna, evento riprodotto sulla tela del pittore Pompeo Morganti, qui conservata.

Cosa vedere a Montegridolfo: I Musei

Il Museo della Linea dei Goti

Sempre sotto le mura, di trova lo storico Museo della Linea dei Goti, sorto nel luogo in cui si trovata una postazione di osservazione militare tedesca. Vi sono esposti cimeli bellici, numerose armi e un’ampia documentazione fotografica. Si possono anche visitare due rifugi difensivi scavati dai civili nel 1944.

Quando visitare il borgo di Montegridolfo

La stagione migliore per visitare il borgo

Consigli utili su come scegliere il periodo migliore per visitare il borgo.

Cosa visitare vicino a Montegridolfo

Cosa vedere nei dintorni

In viaggio alla scoperta dei luoghi più belli da vedere nei dintorni.

Informazioni Turistiche

Regione: Emilia – Romagna
Provincia: Rimini
Altitudine: 290 m s.l.m.
Nome abitanti: montegridolfesi
Patrono: San Rocco (giorno festivo 16 Agosto)
Sito istituzionale

Potrebbe interessarti anche:

I borghi dell’Emilia-Romagna
I borghi più belli in Italia
Scopri gli eventi in Emilia-Romagna
Cucina tradizionale e prodotti tipici dell’Emilia-Romagna
Hotel, B&B, Appartamenti, Case Vacanze, Agriturismi in Emilia-Romagna